A spasso nella Preistoria!

Come promesso al mio piccolo curioso, siamo andati a visitare il Museo Geologico G. Cappellini a Bologna.
Questo museo è stato inaugurato nel 1860, grazie al lavoro di Giovanni Cappellini, geologo che ricoprì per primo il ruolo di docente di Geologia in Italia, proprio presso l’Ateneo bolognese.
Dal 1860 ad oggi non sono state apportate modifiche all’allestimento del museo, i cui numerosissimi e importantissimi reperti sono tutt’oggi conservati nelle bellissime vetrine di fine 1800. La collezione di fossili è una delle più importanti d’Europa e la ricostruzione dello scheletro di Diplodoco è la più grande d’Europa.
Quando sono entrata in questo luogo magico, ho avuto l’impressione di trovarmi catapultata nel polveroso ed affascinante “Museo di Cose Antiche” tanto amato da Edward, protagonista dell’albo illustrato Edward e la sua grande scoperta, che ho recensito in questi giorni su Milkbook.
Si potrebbe pensare che un allestimento così “datato” sia poco appetibile per i piccoli visitatori e permetta solo agli specialisti ed agli esperti di fruire di questo museo.
All’interno delle bellissime vetrine lignee i reperti,infatti, appaiono accatastati e, per questo, poco fruibili, ma, la magia di questo luogo è innegabile!
Il mio piccolo curioso, ovviamente, non si è fermato a guardare tutte le vetrine, ma l’espressione del suo viso quando ha visto lo scheletro del Diplodoco mi ha fatto capire che l’avevo portato nel posto migliore in cui potessi portarlo!
Il Diplodoco è lungo ventisei metri ed alto quattro e si riflette in uno specchio che, ne amplifica la maestosità e la grandezza. Qualsiasi bambino appassionato di dinosauri sarà rapito da questo gigante della Preistoria!
A dire il vero anche io che, sono adulta, quando sono entrata nella Sala del Diplodoco, sono rimasta a bocca aperta. Mi sono sentita stupita, affascinata e l’ambiente ottocentesco mi ha dato davvero l’impressione di aver fatto un salto indietro nel tempo!

12391275_10208566987559970_6833434586088622299_n

Molto affascinante ed attraente per il mio piccolo è stato anche il Mastodonte Proboscidato, davanti alla cui teca ci siamo soffermati a lungo.

1923778_10208566989560020_5790799470688860150_n

Girovagando nel museo ci siamo imbattuti anche in grandissime ammoniti e, prontamente, mio figlio ha detto “Mamma, guarda, è come quello che abbiamo a casa noi, ma è gigante…ohhhhhhhhhh”

1236369_10208566989280013_8039857224600832557_n

12391842_10208566990920054_8521858651917134082_n

1383410_323623204444330_1510567971_n

All’interno del Museo sono presenti studenti volontari, molto preparati e disponibili, pronti ad accompagnarvi in una visita guidata attraverso le sale di questo museo.
Se vi capita di passare da Bologna e volete far visitare ai vostri bambini un luogo magico, dunque, non lasciatevi sfuggire il Museo Cappellini!

Precedente Il silenzio della neve che cade Successivo Che passione il cucù!